Contro la privatizzazione di Poste Italiane e per una nuova finanza pubblica.

sit posteSabato primo febbraio, alle 9.30, davanti le Poste centrali di via Vittorio Veneto a Cosenza si è tenuto un sit-in, promosso da Rifondazione  Comunista, per protestare contro la privatizzazione di questa importante azienda sinora totalmente pubblica.
Da pochi giorni è stato approvato dal governo Letta un decreto ministeriale che mette in vendita il 40% della proprietà di Poste italiane. Un primo passo, a cui nei prossimi mesi seguirà, come in tutte le altre occasioni, l’ulteriore dismissione, fino al passaggio completo della gestione ai privati.
Tagli dei servizi che oggi Poste italiane offre, aumento delle tariffe, chiusura di una parte della rete di sportelli, peggioramento delle condizioni di chi vi lavora, sono gli indubbi corollari che seguiranno questo processo. Per di più, la perdita della connotazione pubblica della raccolta dei risparmi dei cittadini verso la Cassa Depositi e Prestiti, snaturerebbe definitivamente il ruolo pubblico di questo importante Istituto, per il pieno ripristino del quale è in atto un’importante Campagna guidata dal “Forum per una nuova finanza pubblica e sociale”.

La motivazione ufficiale di tale insano atto è la necessità di risorse per ridurre (?) il debito pubblico, ma le entrate che lo Stato ricava dalle attività complessive di Poste Italiane nel medio-lungo periodo sono di gran lunga maggiori dai possibili introiti immediati. La verità è che, ancora una volta, una società pubblica sana e che offre servizi deve essere data in gestione a privati per la realizzazione di profitti da parte dei gruppi finanziari.
La protesta è aperta ai cittadini ed ai movimenti che condividono le lotte contro le privatizzazioni ed a favore di un modello partecipato di gestione del patrimonio pubblico, anche per supportare altre forme di economia fuori dalle logiche del mercato, avviene all’interno di una mobilitazione italiana, con manifestazioni che si stanno svolgendo da giorni in numerose città del Paese.

Federazione provinciale del Partito della Rifondazione Comunista
Il Segretario
Francesco Saccomanno

Annunci