La lotta alla droga ai tempi di Occhiuto

Il Comune di Cosenza ha pensato di venire incontro alle esigenze dei tanti giovani che vivono nel disagio e che cercano rifugio nelle droghe.

Qualcuno penserà che si sia messo su un progetto informativo sulla pericolosità della cocaina, su quanto possa essere devastante l’uso dell’eroina.

Per informare i poveri malcapitati che scambiarsi le siringhe li espone ad un maggior rischio di contrarre l’epatite e quindi decidendo di mettere dei contenitori dove gettare via la siringa usata in cambio di una siringa nuova.

Avviando dei centri d’ascolto per ragazzi e famiglie, alla presenza di personale qualificato in grado di aiutare davvero queste persone. Ci spiace deludervi! Niente di tutto questo!

Niente civili raccoglitori di siringhe, che peraltro costituiscono un vero e proprio pericolo perché se ne trovano in ogni angolo della città, e lo sa bene chi tutte le mattine si occupa della pulizia delle strade!

L’inventiva comunale infatti è stata solo in grado di generare dei manifesti piuttosto ridicoli sull’utilizzo della cannabis!

L’Europa discute sulla liberalizzazione delle droghe leggere e qui cosa fanno? Militarizzano le strade, organizzano blitz improbabili nelle scuole, demonizzano il disagio e la povertà.

Complimenti, Sindaco! A lei ed a tutto il suo staff!

Angelica Perrone PRC Cosenza

Annunci